il counselor olistico

 

Il counselor olistico può essere definito come un professionista della relazione verbale d'aiuto, un facilitatore della comunicazione, che integra le proprie competenze comunicative con tecniche energetiche, artistiche e meditative.

Il counselor olistico racchiude in sé quindi due distinte figure professionali, entrambe ora disciplinate dalla legge n. 4/2013: l'operatore olistico e il counselor.

 

Una definizione più dettagliata non può quindi prescindere dall'analisi dei due  strumenti utilizzati: quello energetico e quello verbale.

# l'operatore olistico

"Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste"

Albert Einstein

L'operatore olistico è un professionista che, partendo dalla visione olistica dell'uomo come unione di corpo, mente e spirito, utilizza tecniche energetiche, artistiche, culturali, meditative (nello specifico reiki, tecniche vibrazioni, fiori di Bach, yoga sciamanico) per ritrovare l'armonia psicofisica, stimolando il naturale processo di trasformazione e crescita della consapevolezza di sé.

Non è un terapeuta, non fa diagnosi, non cura malattie fisiche o psichiche, non prescrive medicine.

 

# il counselor

"Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare"

Seneca

È un professionista della relazione verbale d'aiuto, un facilitatore della comunicazione che, mediante l'ascolto attivo, le abilità comunicative e le competenze relazionali, sostiene il cliente nello sviluppo delle risorse personali favorendone le capacità di scelta e di cambiamento. e lasciandone emergere i punti di forza e l'autodeterminazione.  

Non si sostituisce quindi al cliente, non giudica le sue scelte: lo accoglie in uno spazio di trasformazione, con attitudine empatica e con sguardo positivo incondizionato rispetto alle risorse e alle capacità del cliente per arrivare autonomamente ad una soluzione soddisfacente. 


la mia visione: ponte, specchio e archeologo

>>>PONTE: il metodo

Amo definire il counselor un facilitatore della comunicazione che utilizza l'ascolto attivo per sostenere la crescita personale del cliente mettendo in campo le proprie qualità di empatia e autenticità con sguardo positivo incondizionato.

Troppo spesso infatti il cliente è circondato da persone che lo giudicano, lo consigliano, lo consolano, senza però ascoltare realmente ciò che ha da dire e senza accoglierlo completamente e totalmente, esattamente per come è.

>>>SPECCHIO: la funzione

Nello specifico la funzione del counselor è quella di rispecchiare e tanto più lo specchio sarà pulito e nitido, tanto più il cliente potrà cogliere ogni sfumatura della propria immagine riflessa: di qui l'importanza che il counselor continui con un lavoro costante di pulizia e ricerca su di sé.

>>>ARCHEOLOGO: lo scopo

Questo spazio/tempo di ascolto senza giudizio e accoglienza completa rende possibile un'alchimia: il cliente diventa consapevole delle proprie dinamiche, uniche e non etichettatabili o standardizzabili, che prima non vedeva. Il counselor diventa quindi archeologo che porta alla luce cose già esistenti ma celate alla vista comune.

 


perche rivolgersi a un counselor olistico

 

  • GESTIONE CAMBIAMENTI - Il counselor, mediante l'ascolto attivo, le capacità comunicative e relazionali e le tecniche energetiche, stimola  le capacità di scelta del cliente, favorendone l'autonomia.
  • PERCORSI DI CONSAPEVOLEZZA - Il counselor lavora sul benessere psicofisico e sull'empowerment, orientando e sostenendo l'individuo a una maggiore consapevolezza dei propri bisogni e delle proprie risorse personali.